A testa in giù come una Tarte Tatin

18:14


Questo è uno di quei periodi in cui faccio una scorpacciata vera e propria di lettura: racconti, pezzi di vita, scorci di riflessioni altrui, per poi proiettare quelle storie dentro di me, frugando tra gli angolini del cuore e della mente, cercando similitudini, immagini che mi fanno sognare, che mi fanno riflettere, lezioni, e perchè no? punti di vista capovolti.

Sto imparando con pazienza, perchè la pazienza prima o poi premia, che il modo di guardare le cose a volte lo possiamo ribaltare, come se i pensieri fossero gli ingredienti di una tarte tatin, completamente sottosopra. 










Qualcosa che prima è difficile da immaginare, ad un tratto si rivela una favolosa prospettiva diversa, in cui tutte le cose ritrovano il proprio ordine, sono strati di pensieri che semplicemente hanno guardato un po' il mondo a testa in giù, lasciandosi ammorbidire da tocchetti di burro e zucchero, perchè nulla in fondo deve avere un gusto troppo difficile...

Ed ecco che alla fine le cose hanno lo stesso sapore, gli stessi ingredienti, magari anche gli stessi tempi di cottura, però ti sei permessa di osservarle dall'altra parte, che forse è anche quella che ha bisogno di più attenzioni, che è più sensibile, per una volta, il fondo della torta dei tuoi pensieri non è quello che potrebbe scottarsi nel forno.

Se alcune cose mi vengono spontanee e naturali, per altre cose sono lenta, lenta nell'imparare, lenta nel capire, lenta e basta. Però poi ci arrivo :) e allora sono contenta, e scopro che in fondo non mi ero mai impegnata troppo nel considerare alcuni aspetti diversi da quelli che i miei occhi erano abituati a vedere, perchè alcune persone così ci nascono, altre devono imparare. 

Così, all'improvviso non importa il tempo che ci ho messo, o il percorso che mi ha portato fin lì, conta soltanto la torta che ne viene fuori...

La mia tarte tatin è ancora un po' timida, non è riuscita a caramellarsi tanto, procede a piccoli passi, sono certa che la prossima volta avrà imparato a colorarsi di più e migliorarsi un po'...




Tarte Tatin alla mele
(ricetta di California Bakery)

8/10 mele gialle tipo Golden Delicious
130 gr di burro freddo tagliato a fettine sottilissime
230 gr di zucchero semolato 

per la frolla:

350 gr di farina 00 
100 gr di zucchero semolato
1 teaspoon di sale (4 gr)
4 tuorli d'uovo
150 gr di burro
60 ml di acqua fredda di frigorifero.

Preparazione:
Qui sopra trovate gli ingredienti, questa volta per la preparazione, seguite il video che California Bakery ha realizzato per tutti noi, è molto più facile guardare la preparazione che scriverla tutta. Come noterete la mia non è esattamente uguale a quella preparata dalla Sig.ra Michela :) dove avrò sbagliato? Lo scoprirò prossimamente...





You Might Also Like

34 commenti

  1. Eh, cara Silvia, almeno anche nella vita succedesse come nella tarte tatin! Comuqneu sono diventata tua follower, così un po' alla volta mi trasmetterai la tua saggezza e il tuo ottimismo! A presto e complimenti. La tua follower nuova di zecca Cecilia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cecilia ho ricambiato molto volentieri, grazie!! Il mio ottimismo? Io per natura sono l'opposto, ma se non mi tiro su con iniezioni di ottimismo in questo periodaccio, la vedo grigia!! :) a prestooo

      Elimina
  2. Quanto mi piacciono queste torte rovesciate.....Bravissima, molto invitante e golosa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Primo esperimento...va migliorato, peró la prova "rovesciamento" è stata superata, niente torte rotte!!!

      Elimina
  3. Amo la tarte tatin... anche in versione salata e la tua è veramente deliziosa...
    Complimenti, un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma lo sai che la prima tarte tatin che ho provato a fare è stata quella di pomodorini...peccato che ho seguito una ricetta sbagliata...un abbraccio!!

      Elimina
  4. Amo i dolci con le mele e la tatin mi ricorda una gita in corsica!!!
    Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) paese che vai tradizioni culinarie che trovi!!! grazieee

      Elimina
  5. A volte, vorrei tanto avere la pazienza, la calma e l'ottimismo per attendere che le situazioni si rovescino, ma non sempre ci riesco purtroppo.
    Non sarà caramellata come volevi, ma io trovo la tua tatin un incanto.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ci riesco sempre nemmeno io cara Lisa, però quando ti trovi a ripartire da zero un po' in tutti i campi della tua vita, allora ti rimbocchi le maniche e dici "se non penso positivo, sono spacciata!" :) a presto carissima

      Elimina
  6. per essere la prima volta il risultato è più che eccellente, alcune ricette come la tarte tatin richiedono piccoli dettagli d'esperienza che con un po di volte diventa più facile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! è vero immagino, un po' come tutte le cose, soprattutto nella pasticceria, ci vogliono diversi tentativi prima di arrivare al risultato giusto, ma spesso è anche la ricetta di base da cui si parte che fa molto!! :)

      Elimina
  7. Una metafora molto bella questa della tarte tatin...Anche io ho bisogno dei miei tempi, in ogni cosa. E spesso ho difficoltà a cambiare prospettiva...ma alla fine, così, quando non te lo aspetti...succede! :-)
    Buon pomeriggio,
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, saper guardare un po' diversamente, avviene un po' per volta, molto fanno anche le esperienze o le difficoltà che ti trovi a dover superare! buon pomeriggio anche a te Alice!

      Elimina
  8. Bellissimo il post e meravigliosa questa tarte tatin... tra l'altro uno dei dolci che più amo ^_^ Già, pazienza e seguire il flusso.. così dico io, non opporsi troppo agli eventi... non è semplice ma bisogna provarci. Bisogna darsi tempo e credere in se stessi. Bravissima come sempre, ti abbraccio! Buona serata :) :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho trovata una torta strepitosa anche io, per la preparazione e per il sapore delle mele morbide e succose! brava comunque, hai espresso bene il concetto, darsi tempo e credere in se stessi!! ti abbraccio!

      Elimina
  9. Quanto mi piace l'analogia tra la tua tarte ed i tuoi pensieri! Hai ragione a volte il segreto sta nel cambiare prospettiva... passaggio che richiede un pizzico di coraggio e la chiara volontà di uscire dalla nostra comfort zone. Ti abbraccio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!! la comfort zone...mm interessante...credo in effetti di non averci mai pensato! un abbraccio!!

      Elimina
  10. A me questa tarte-tatin piace! Ma anche visivamente, intendo!
    Sai...hai davvero ragione: talvolta basta cambiare prospettiva per stravolgere completamente una nostra idea. A me capita spesso di farlo anche con le persone...in molti casi ne ho guadagnato degli ottimi amici, in alcuni ho perso delle amicizie...
    Poi sai...molto dipende anche dal momento che stiamo vivendo! Talvolta siamo + predisposti a guardare con occhi nuovi mentre altre volte non ci riusciamo o, + semplicemente, non ci poniamo nemmeno il problema ;-)
    Tanti baci, cara Silvia!!!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieee!! :** è così è vero, ci sono momenti in cui non ci si pone il problema...in effetti io me lo sono posta per un preciso motivo!!! bacioniiii Gio!

      Elimina
  11. Non è ancora tempo di sole e di abbronzatura ed è giusto che sia timida e pallidina mi piace tanto. La lentezza e il tempo a disposizione sono un'arte, io sto imparando ora a gustarmi l'attesa, l'avereun po più di tempo e addirittura cercarlo, fare le cose con pi lentezzae calma.... Avere il tempo di guardare nel forno la tatin che cuoce piano piano... Ho delle mele che ho acquistato in un meleto qui vicino e sono perfette per questa tatin, un bacio grande!

    RispondiElimina
  12. Cara ely che piacere trovarti qui!! Un meleto?? Oh mamma chissà che meraviglia! Io che al massimo trovo bello andare al mercato a comprare la frutta...vivendo in città mi devo accontentare!! A prestooo

    RispondiElimina
  13. Bellissima questa torta! Deve essere proprio deliziosa! Complimenti ^_^

    RispondiElimina
  14. Io sono convinta che il mondo di oggi vada visto a testa in giù... forse solo così riusciamo a far tornare dritte tante cose che vanno un po' per loro conto, confuse e non sempre comprensibili...
    L'importante è lo sguardo che per me deve essere attento, sveglio, mobile, curioso... e a te non manca di certo! Mi piace come rifletti, come parli con te stessa ancora prima che con noi... sento la voglia di migliorarti e di capire... sì, mi arriva questo tutte le volte che ti leggo, come fossi nel mezzo di un cammino personale...
    La tarte tatin mi fa impazzire, ancora non l'ho mai fatta perchè quasi la temo ma prima o poi riuscirò a farmi avanti, corteggiandola magari con un cesto di mele appena raccolte! :D

    RispondiElimina
  15. Eh si sono proprio in una fase di percorso personale, hai ben detto Francesca, una di quelle in cui ci si ritrova a tu per tu con se stessi e riflettere è un momento importante. Sono contenta che anche tu condividi il pensiero di guardare un po' a testa in giù, direi che ne vale la pena!! A presto cara!!

    RispondiElimina
  16. Ciao Silvia, un saluto e un abbraccio! Buona serata :) :**

    RispondiElimina
  17. anche io mi sento spessissimo come una tatin, a testa in giù, capovolta e aspetto solo che qualcuno mi ribalti trovando il bello che c'è dentro quello stare girati! Tu lo hai scoperto ad arte!
    un caro saluto,
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è piaciuta tanto questa associazione di pensiero con questa torta, che per giunta ho trovato deliziosa! ciao elena, un caro saluto anche a te

      Elimina
  18. scopro con piacere questo dolce blog...complimenti!
    mi sono gustata le foto della tua tatin, e la lettura della tua introduzione. Quanto è importante riuscire ad imparare a variare i punti di vista! e magari scoprire che si può apprezzare di più anche una visione diversa delle cose.
    Tarte tatin mai fatta...è ora di rimediare! ciao! a presto. Eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eleonora, ma che bello mi fa piacere conoscerti...anzi appena finisco di rispondere qui vengo a vedere il tuo blog!! Sì in effetti è importante riuscirci ogni tanto, giusto perchè cambiare un po' ha il suo sapore!! :) a presto!!

      Elimina
  19. Si la pazienza premia, ma prima devo imparare a gestirla, a farmela garbare :). Per ora ne ho pochissima, alla mia età ancora non la conosco bene, ma in quelle rare volte che ne ho assaggiato un pizzico, ha saputo ricompensarmi.Ho però tanta curiosità e ho voglia di imparare a guardare da altri punti di vista, forse le cose troveranno un ordine che ignoravo.Non ignoro sicuramente la tua tarte, che timida è bellissima quanto può esserla una più sfacciata..basta guardarla da tutti i lati e ne percepisco profumi e sapori! Mi piacciono cara, come mi piace riflettere con te..son dolci riflessioni.
    UN bacione cara e bellissima giornata! ♡

    RispondiElimina
  20. la pazienza certe volte scappa, lo so Damiana. Io devo sono ancora trentenne e forse mi manca tanta esperienza un po' ovunque, però questa cosa del guardare un po' in maniera diversa la voglio capire, la voglio assaggiare come una fettina di torta, gustare a piccoli morsi e poi capire che in fondo il sapore è davvero buono! Sono contenta fare queste riflessioni, con te, con tutte voi, mi arricchisce tanto! un bacione e buon weekend carissima

    RispondiElimina
  21. Adoro le torte alla frutta e prima o poi una Tarte Tatin sarà tra le mie ricette.
    Ciao Silvia, grazie per la visita :)

    RispondiElimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe