La fiducia è come un granello di zucchero (BISCOTTI ALL'ORZO SOLUBILE)

12:34

biscotti all'orzo solubile

Fiducia deriva latino Fìdere che significa aver fede.

La fiducia è come un granello di zucchero sopra i biscotti, puoi vederla e sentirla in tutta la sua interezza, ma se cade in un bicchiere di latte, allora si scioglie, e non torna più come prima.

Mi fido dell'istinto e di quel sentire a pelle un'impressione, perchè la prima spesso è anche quella giusta.
Mi fido degli occhi perchè sanno parlare, raccontano tutto senza filtri, raccontano tanto.
Non mi fido delle parole che lusingano, mi fido dei fatti che ne dimostrano la sincerità, perchè la fiducia è preziosa e va meritata.

La fiducia è una terra da conquistare, è un bene da proteggere.

Mi fido della semplicità che preferisce essere piuttosto che apparire.
Mi fido dei sogni, che sanno rivelare segreti profondi.
Mi fido della fiducia perchè essa stessa è una forma d'amore.
Mi fido ancora dell'amore anche se mi ha tradito.
Mi fido dei gesti inaspettati, che nessuno li aveva chiesti ma a qualcuno importava di farli.
Mi fido delle emozioni, mi fido anche delle lacrime.
Non mi fido di chi non coniuga mai i verbi al futuro.
Mi fido di chi ama gli animali.
Non mi fido di chi non ti guarda negli occhi mentre parla.
Mi fido di chi sa ancora arrossire.
Mi fido di chi se ne va ma poi torna pentito.
Mi fido degli abbracci.
Mi fido se prendi la mia mano e intrecci le tue dita alle mie.

Mi fido se ci tieni davvero.

Se conquisti la mia fiducia, hai già conquistato anche me.


biscotti all'orzo solubile

Biscotti all'orzo solubile

Ingredienti (per circa 15 biscotti)

100 gr di farina 00
150 gr di semola rimacinata
70 gr di zucchero di canna
45 ml di olio di riso
1 pizzico di sale
1 uovo 
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di orzo solubile
3 gr di lievito per dolci
2 cucchiai di latte

Preparazione:

Con le fruste elettriche sbattete l'uovo con lo zucchero di canna, fino a formare un composto denso e cremoso, aggiungere a filo l'olio di riso e due cucchiai di farina. Continuate a impastare con le fruste. Unite le due farine, un pizzico di sale, la vanillina e il lievito, l'orzo solubile e due cucchiai di latte. Impastate fino a formare un panetto simile alla frolla. Avvolgete in pellicola trasparente e lasciate in frigorifero per almeno 30 minuti. Formate delle palline di media dimensione e schiacciatele con i rebbi della forchetta, disponete su carta forno e in ultimo spennellate con un po' di latte e una spolverate di zucchero di canna. In forno preriscaldato a 180° per circa 18/20 minuti.


biscotti all'orzo solubile

You Might Also Like

20 commenti

  1. La mia fiducia è pressoché totale per chi non ha paura di dire ciò che pensa. Perché se dici ad alta voce quel che dentro senti (senza porre filtro alle emozioni) è probabile che sia vero. E se ciò che dici è vero, anche se non concorda con me, è comunque meritevole di coerenza! E la coerenza ha fascino da vendere! ;)
    Scommetto che un quel cristallo di zucchero-fiducia che ho riposto in te farebbe il suo dovere. Si scioglierebbe nel latte dove ci ho poco prima pucciato il biscotto all'orzo e me lo renderebbe più dolce! E mai morso sarebbe più buono! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono daccordo con te! e non importa giustamente se le opinioni sono diverse, importa solo che quello che stiamo dicendo o che stiamo ascoltando sia vero! Ma se il cristallo di zucchero cade nel latte poi si scioglie e la fiducia non c'è più?!? senti, facciamo che in questo caso visto che il latte si addolcisce allora la fiducia rimane intatta, perchè la sua presenza rimane, è soltanto in una forma diversa!! grazie per la tua presenza Roberta!

      Elimina
    2. E' esattamente quel che intendevo... seppur in forme diverse, se la fiducia c'è si sente (in tutta la sua dolcezza)! :)

      Elimina
  2. Sono deliziosi Silvia, perfetti per un'inzuppo goloso!!!

    RispondiElimina
  3. Fidarsi troppo e sempre. E' una mia caratteristica, quella che fa dire a Francesca che sono ancora un po' ingenua. E sono consapevole di esserlo, ingenua e fiduciosa. Mi fido degli sguardi, dei sorrisi, troppo spesso delle parole e dei farò/sarò. Mi fido dei momenti, del mio cuore e delle mie sensazioni. Mi fido anche quando ho già sbagliato una volta le mie valutazioni. Mi fido dell'amore, che mi ha tradita più di una volta, mi fido dell'amicizia che può nascere/rinascere e crearsi. Mi fido dei segni che incontro sul mio cammino, quelli che mi aiutano a capire se quello che sto cercando/facendo è giusto o no. Mi fido degli abbracci, quelli sinceri. Mi fido dei granelli di zucchero che trovo anche qui, come sulle mie ciambelline, ad addolcirci il mondo, che troppo spesso non è all'altezza della fiducia che gli diamo. Ne rubo subito uno.. e ti dico che mi hai letta nel pensiero. E' da un po' che mi ripropongo di fare dei biscotti con l'orzo solubile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, non ci crederai ma mentre leggevo le tue parole, mi dicevo dentro me "anche tu sei ingenua Silvi, alla tua età quasi 35 anni...ancora ti fidi di tutto"...ma vedi cara, io o mi fido del tutto o non mi fido per niente, o bianco o nero, le cinquanta sfumature di fiducia non le contemplo io!! però se non ci si fida un po' nessuno si fida di noi! Quando ho visto le tue ciambelline ricoperte di zucchero questa mattina mi sono af(fidata) all'istinto e ho sentito subito la sintonia di pensiero che ancora una volta ci unisce! a presto!

      Elimina
    2. Ah, ragazze, sospiro... per difesa, dopo varie cadute, tendo a essere più sveglia e attenta prima di lasciarmi andare ma in realtà ancora adesso, a quasi 37 anni, appena sento di poterlo fare mi (af)fido e mi piace l'idea di curare rapporti sinceri, leali... le botte aimè continuano ad arrivare, ma l'importante è metterci il cuore, sempre, nei legami... perchè anche se si soffre sappiamo di essere state vere e di aver vissuto tutto...
      Questo post mi ha fatto emozionare, Silvia, perchè rispecchia alcune riflessioni di questo periodo... l'ultima frase è il Senso: "se ci tieni davvero", ecco il segreto, il punto... fidarsi sì, ma solo se c'è quel "se" che dimostra che l'affetto è reciproco e che possiamo aprire le braccia rilassate e serene... io ti abbraccerei subito, se ti incontrassi ora! :-)

      Elimina
    3. Franci!! ciaoo! per difesa...brava in effetti dopo queste cadute bisogna per forza far così! ma se si ha la fortuna di incontrare persone con cui instaurare rapporti veri, allora che piacere! Mi sono emozionata a leggere che tu ti sei emozionata ahah :) è bello sai, ormai con alcune di voi c'è un legame che dura da tempo e questo mi fa tanto piacere! ti abbraccerei anche io!! sono sempre contenta della tua presenza!

      Elimina
  4. Sono d'accordo, la fiducia è la base per ogni rapporto vero, sia d'amore ma anche di amicizia. Se non ci si fida dell'altra persona meglio lasciar perdere subito. Vedere calpestare la fiducia riposta in qualcosa è una delle cose più difficili da sopportare, è per me uno dei dolori più difficili da gestire.
    Mi piace molto l'idea di questi biscotti, devono essere buonissimi con quel leggero sentore di caffè latte che fa tanto casa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parto dalla tua ultima frase "sentore di caffè latte che fa tanto casa" ecco cosa è anche la fiducia, sentirsi a casa, sentire che possiamo instaurare dei rapporti sinceri, che ci fanno sentire nel confort. E come hai detto tu Elena, la fiducia è alla base di tutto, che si tratti d'amore o amicizia, poco cambia!! un abbraccio e grazie

      Elimina
  5. Bisogna sempre fidarsi del proprio cuore e della vita o non ha senso andare avanti..io mi fido di te e sulla bontà di questi biscotti ci metterei la mano sul fuco! Che dici me ne sono meritata uno???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consu che dolce che sei! tu sei adorabile!! te ne meriti tanti!! grazieee un bacione

      Elimina
  6. e che dirti?! Io mi fido di questa tua ricetta...che deve essere una favola...che voglia di inzuppare nel latte queste piccole chicche golose ;)
    Un caro saluto e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona sai che dovessi rifarli ci metterei anche delle gocciole di cioccolato??? un caro saluto anche a te

      Elimina
  7. Una ricetta deliziosa, come le tue parole, profonde e sincere. Mi fanno riflettere e mi fanno appoggiare a tutti quei rapporti veri basati su questo valore fondamentale.
    Ti abbraccio, sei una persona splendida Silvia :)

    RispondiElimina
  8. Quant'è bella l'immagine della fiducia come un granello di zucchero...leggere i tuoi post è sempre bellissimo, le tue parole e il modo in cui giochi con esse hanno il potere di evocare emozioni ed immagini!!
    Questi biscotti sono super particolari e super invitanti!! Bravissima!!
    Un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  9. Con queste tue parole mi sono persa e ritrovata.. mi piace la metafora del granello di zucchero, è perfetta per rendere l'idea della forza e della fragilità della fiducia.
    Ti rubo un biscottino..che deve essere tremendamente delizioso!

    RispondiElimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe