Gnocchetti di follie sempreverdi... (GNOCCHI DI SPINACI CON RADICCHIO)

16:24

Ci sono foglie verdi di spinaci e follie sempreverdi che per me sono le cose che ti porti nel cuore, che per qualche ragione sono rimaste lì.

Qualcuno ha scritto che "si rimane sempre un po' intrappolati nelle cose non vissute"
 e forse chi lo ha detto aveva ragione.

Ci sono follie sempreverdi di sogni che ti svegli col batticuore, quando due mani si incontrano e i respiri si uniscono in un bacio che vorresti fermare con un fotogramma dell' anima.

Ci sono follie sempreverdi di viaggi che un giorno farai, di quelli che ti costeranno un occhio della testa ma cascasse il mondo tu ci andrai, e poi magari non ci andrai mai.

Ci sono follie sempreverdi di cose che non siamo riusciti a dire, di parole d'affetto per qualcuno che è mancato troppo presto, di parole d'amore per qualcuno che ci piaceva, e perchè no di parole di rabbia e di sfogo per qualcuno che ci ha delusi profondamente, e passa il tempo, magari le scrivi ovunque ma non le dici e la voglia di pronunciarle ti rimane dentro.

Ci sono follie sempreverdi di lavori che avremmo voluto fare, di strade che avremmo voluto percorrere e di percorsi che avremmo voluto cambiare. 

Ci sono follie sempreverdi di acquisti che non ci siamo mai permessi di fare, magari erano cose che costavano troppo, magari non avevi spazio dove tenerle, o forse semplicemente le volevi comprare per una semplice soddisfazione e poi non lo hai mai fatto.

Queste follie sempreverdi le ho messe tutte dentro un cestello di speranza, le ho scottate nell'acqua calda per ammorbidirle, le ho tritate per farle amalgamare con la volontà e la forza di dargli vita, e poi gli ho dato la forma di quadrotti piccini. Così, sono nati gli gnocchetti di follie sempreverdi...che chissà forse un giorno si realizzeranno.

   

Gnocchi di spinaci con radicchio

700 gr di patate (meglio se più vecchie)
400 gr di foglie di spinaci
sale q.b.
120 gr di farina 00
1 cespo di radicchio
formaggio tipo Parmigiano 
vino bianco q.b. 
1 cipolla bionda
olio extravergine d'oliva q.b.

Preparazione:
Per prima cosa lessate in acqua bollente gli spinaci ben lavati, aggiungendo all'acqua di cottura un po' di sale. Una volta lessati, strizzateli molto bene per far uscire l'acqua (il peso si ridurrà di circa la metà) e tritateli finemente con un coltello. Lasciate raffreddare. A parte sciacquate le patate per togliere eventuale terra in eccesso e lessatele in acqua salata con tutta la buccia, meglio se le scegliete tutte della stessa dimensione. A cottura terminata, lasciate raffreddare qualche minuto e togliete la buccia. Con uno schiacciapatate riducetele in poltiglia. Lasciate raffreddare completamente gli ingredienti.
Su una spianatoia mettete un po' di farina, aggiungete le patate schiacchiate, gli spinaci tritati, (assaggiate l'impasto per valutare se serve del sale), aggiungete la farina e amalgamate tutto velocemente. Formate dei filoncini e tagliate tanti piccoli quadrotti. Lasciate riposare gli gnocchi coperti da un canovaccio, ma cuoceteli presto perchè non devono rimanere a seccare come il resto della pasta fresca. 

A parte in una padella antiaderente fate soffriggere una cipolla bionda con olio extravergine d'oliva, tagliate il radicchio a pezzetti e fate cuocere, aggiungendo del vino bianco per insaporire. Salate a piacere e fate appassire completamente. Una volta cotti gli gnocchi, scolateli e versateli nella padella col radicchio, aggiungete del formaggio tipo Parmigiano e saltateli fino a far sciogliere il formaggio. 

You Might Also Like

21 commenti

  1. queste piccole follie che vengono dal cuore e da un filo di speranza nell'avvenire sembrano una vera delizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si hanno proprio quel filo..anzi filone di speranza! ;)

      Elimina
  2. Le tue ricette hanno sempre una marcia in più perchè hanno un anima..ti lovvo <3

    RispondiElimina
  3. Complimenti Silvia, un piatto molti invitante, una delizia!!!!

    RispondiElimina
  4. Quei pezzettini di vita li ho vissuti un po' tutti. Li hai colti dai ricordi, un po' dalle sensazioni di irrisolto e inesaudito, dalle volontà espresse. Un piatto ricco e senza dubbio col potenziale ben espresso di volerle conquistare tutte queste papille (tappe) gustative (della vita)! Stasera ho amato questi spunti! Grazie! :)
    Tutti avrebbero bisogno di una copertina verde spinacio ad insaporire ogni attimo coccoloso al radicchio! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh cara Ro una copertina verde spinacio è carinissimo! magari servisse a riparare i bei sogni dal freddo! brava sono tutte le volontà, sempre quelle, che aspettano il momento giusto...che prima o poi arriverà!

      Elimina
  5. Silvia, sospiro... l'ho fatto ad ogni riga, ad ogni pensiero... tutto quello che poteva essere e non è stato è materia viva che brucia e ribolle, tutti i non-detti, i passi mai compiuti anche quando si stava per alzare il piede, il destino avverso o il tempismo che non coincide, le storie alla "Sliding doors", le domande, i "chissà", i treni su cui salirei ancora, le occasioni sfumate, la mole di sogni che si sono persi per strada... per fortuna la vita è un continuo rinnovarsi e nuove piante (di spinaci!) sono pronte a nascere... e alle cose perse o non strette corrispondono quelle che devono arrivare e ci potranno far felici... ti aiuto a preparare gli gnocchi mentre parliamo di tutto questo, va bene? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Franci, sì è proprio tutto materia viva, che ribolle dentro di me e aspetta che qualcosa possa realizzarsi! io rimango positiva che prima o poi la pazienza darà i suoi frutti, nel frattempo raccolgo tutte le nuove foglioline, certa che saranno quelle che porteranno felicità! tu aiutami certamente!!! :)

      Elimina
  6. E io ti auguro di realizzare tutte le follie, grandi e piccole, che porti nel cuore <3 Salvo la ricetta di questi gnocchi, amo gli spinaci e il radicchio.. devono essere ottimi! Ti abbraccio, Silvia! :**

    RispondiElimina
  7. Magiche tutte le follie, anche quelle che a volte fanno male.. perché ci fanno rinascere più forti, a volte più matte.. però è questo il bello della vita Silvia, combattiamo dolcemente nella più completa follia!
    Ti abbraccio mentre gusto questa squisita ricettina :*

    RispondiElimina
  8. Intanto queste si son realizzate e hanno dato vita ad un piatto dai colori vivaci e molto invitante!Pensavo alle mie follie sempreverdi,forse son solo rimpianti o a volte rimorsi...sono di più quelle per le parole non dette,vorrei ancora dirle ma non so da dove cominciare e che effetto produrranno!Forse rimarrei delusa o sorpresa chissà...Tesoro mio ti abbraccio forte,mi son gustata la ricetta e le parole!

    RispondiElimina
  9. quante follie sempreverdi mi frullano in testa e....sento che prima o poi realizzerò...finora ne ho fatte poche, sono così sempre paurosa e titubante io...
    Anche questi tuoi superlativi gnocchetti, credo siano fattibilissimi...a casa mia poi andrebbero a ruba, lo so...farò presto anche questa follia allora! ;)
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  10. Adoro queste follie sempreverdi.. Lo sai che gli gnocchi sono il mio punto debole, vero?! :) Conquistata.. Questa versione poi mi mancava!!! Segno, segno..
    Senza la speranza non si va da nessuna parte.. è il motore di tutto. Mai smettere!
    Un abbraccio forte forte cara Silvia!

    RispondiElimina
  11. bellissimo l'incipit del post, ottimi gli gnocchetti!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  12. Senza le tue follie sempreverdi non avresti potuto creare un piatto tanto bello e delicato, le tue ricette hanno sempre quel tocco in più, perché riescono a raccontare una storia...la tua! C'è sempre un ingrediente segreto da scoprire, in questo caso le follie!
    Bravissima Silvia!
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. buoni di spinaci, io mai preparati ma in frigo ho proprio un bel mazzetto di spinaci...li provo!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  14. Tra una follia e l'altra tra un verde e l'altro questi gnocchetti ci stanno come il cacio sui maccheroni!!!

    RispondiElimina
  15. mi godo il tuo racconto e i tuoi fantastici e colorati gnocchi:-) grazie

    RispondiElimina
  16. Il non vissuto, i rimpianti...beh...almeno in parte sono inevitabili. In alcuni casi non resta che perdonarci in altri il tempo ci soccorre. Bell'accostamento di sapori e colori i tuoi gnocchi !

    RispondiElimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe