In un giorno che piove vieni a prendermi e portami al mare... (PRIMO AL SAPORE DI MARE)

17:26

 

"Tu sei rimasta sola, dolce madonna sola, nelle ombre di un sogno o forse di una fotografia lontani dal mare, con solo un geranio e un balcone" (Paolo Conte)

Sopra le note di un vecchio brano nostalgico e impressionistico degli anni '70, fantastico.
E scrivo una lettera che forse imbottiglio. La scrivo a te del futuro, che ancora ti devo incontrare eppure hai già un posto nel cuore...in un giorno che piove vieni a prendermi e portami al mare...giusto il tempo di ascoltare una canzone. 

E giusto il tempo di ascoltare una canzone ...perché poi apro gli occhi e sono solo in cucina, io e la mia fantasia.
È una di quelle domeniche che non c'è il sole, a fatica metti un piede fuori e l'altro lo tieni sull'uscio della porta, il cielo è grigio e i pensieri scivolano veloci come gocce di pioggia sui vetri appannati.

Mentre trito il prezzemolo e taglio i pomodori a pezzetti, alleno il cuore a immaginare, così che abbia sempre un motivo per sentirsi felice, anche quando dentro e fuori piove.
Del resto non si deve impigrire durante l'attesa e nemmeno scordare come è bello passeggiare in riva al mare, o restare seduti a guardare un tramonto con le mani intrecciate. 

Così, mentre imparo a cucinare questo primo al sapore di mare, gli racconto una storia che profuma d'amore, perché al cuore piace ancora sognare. 

È un piatto d'estate in un giorno d'inverno, su una tavola blu su cui si lascia cullare...blu come quel mare dove un giorno mi potresti portare...




Bavette con vongole e cicale di mare

Ingredienti:
1 mazzetto di prezzemolo fresco
5/6 pomodorini tipo San Marzano 
300 gr di cicale di mare
1kg di vongole con guscio
2 spicchi d'aglio
olio q.b.
vino bianco q.b.

Preparazione:

La sera prima mettete le vongole con il guscio in ammollo in acqua fredda e salata. Questa operazione è necessaria per far spurgare eventuale sabbia. (tenere in luogo fresco). Il giorno dopo sciacquarle abbondantemente sotto il getto d'acqua.
In una padella antiaderente far cuocere le vongole a fuoco basso per qualche minuto, coprire con un coperchio, fino a che non si saranno aperte per bene (consiglio ogni tanto agitate la pentola per farle aprire). Una volta aperte le vongole, avranno rilasciato del "brodo" di cottura da tenere da parte.
Sgusciate gran parte delle vongole, lasciate qualche guscio per "estetica".
In un'altra padella aggiungere olio abbondante e due spicchi d'aglio, far rosolare leggermente, aggiungere le vongole, le cicale di mare, e dopo un paio di minuti, sfumare con del vino bianco. Aggiungete prezzemolo, il brodo di cottura tenuto da parte in precedenza, i pomodorini tagliati a pezzetti e far cuocere per circa 10/15 minuti, giusto il tempo che si formi un bel sughetto.
Scegliete il vostro tipo di pasta e condite.

 







You Might Also Like

29 commenti

  1. Che telepatia, abbiamo postato quasi in contemporanea.. e siamo nella stessa città ad ascoltare questa pioggia incessante; per fortuna tu pubblichi un raggio di sole con questa ricetta che profuma di mare e bellezza..
    Lo sai che anche io ho quel piatto bellissimo? lo adoro! così come adoro ogni tua ricetta ed ogni tuo sogno.. mi accodo a te Silvia, dolcemente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annalisa, arrivo subito a scoprire cosa hai preparato di buono! lo so che anche tu ce l'hai, è bellissimo effettivamente quel piatto! potessi avere tanti soldi da spendere in quel negozio lo svuoterei! facciamoci forza che anche oggi c'è brutto tempo e ogni tanto fantasticare non fa male! buona giornata!

      Elimina
  2. Silvia che poesia questo piatto, come il mare in inverno...un blu così vivace da scacciare via qualsiasi malinconia, sapore di sale e di sole al posto della pioggia. Hai messo insieme due dei miei frutti di mare preferiti, quanto vorrei sedermi lì con te per assaporare insieme questo primo squisito mentre ci confidiamo sogni e segreti :)
    Ho il tuo stesso piatto, troppo bello!!
    Cavoli mancavo da troppo tempo di qui, per fortuna che stasera mi sono detta "riapriamo la blogroll su blogger!" e così mi è comparso questo irresistibile blu!!
    Ti abbraccio forte!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura che piacere ritrovarti! Caspita anche io manco tantissimo dal vostro blog, errore imperdonabile! Allora questo blu mare ti ha fatto arrivare fin qui e allo stesso modo ora ritorno da voi, non perdiamoci più mi raccomando! :) un abbraccio e a presto

      Elimina
  3. che bello, un piatto che mette allegria e che fa sognare di essere già in estate, nonostante questo grigio e tetro inverno...
    un abbraccio cara, buon lunedì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto ci vuole Simona! inventarsi qualche modo per far entrare colore nelle nostre giornate, anche in quelle più grigie! a presto

      Elimina
  4. Ottimo il piatto e bellissima la tua premessa che ha portato un po' d'estate in una grigia giornata invernale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adenina non ci conosciamo mi sa, e quindi benvenuta e grazie mille!!

      Elimina
  5. Mmmm che profumino di mare qua da te Silvia...... splendide le foto, un piatto irresistibile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Simona, se Maometto non va al mare... ahahah :) ci andiamo noi! a presto

      Elimina
  6. Ciao Silvia, arrivo solo oggi qui nel tuo blog, e mi sa che ho scelto proprio un bel giorno, perchè amo la poesia, la musica, il profumo del mare e la voglia di amare....
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viviana, un altro volto nuovo, che piacere! in questo angolino un po' di poesia la troverai sempre! vengo a conoscerti...

      Elimina
  7. "Gli racconto una storia, che al cuor piace ancora sognare".
    Bisogna non smettere mai di raccontarsele certe storie, che prima o poi qualcosa accade. Raccontare nel presente di quel futuro pronto a visitare. Salire sulla barca delle emozioni e da quelle lasciarsi trasportare. Perché da qualche parte si arriva. E loro poi, hanno pure la capacità di farci sognare.
    Perciò non smettere! Di credere e sperare! Di aspettare anche se fuori piove, perché arriverà il sole. E col suo calore sulla pelle e la magia nel cuore saprà condurti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai colto proprio bene Melania! mi piace questa tua idea di salire sulla barca delle emozioni e vedere un po' dove ti porta! non smetterò, perchè ci credo veramente! Ma come hai scritto nel tuo post, amore è dappertutto, perciò fino a che non arriva quello con la A maiuscola, troviamo amore dappertutto, in un impasto come quello che hai fatto tu o in un piatto che sa di mare...un abbraccio

      Elimina
  8. Quanta dolcezza Silvia :-) sono sicura che quel momento arriverà presto e sarà ancora più bello ed emozionante di quanto immagini. Nel frattempo cullati e coccolati nei profumi della tau cucina e non perdere mai il tuo sorriso anche in un giorno di pioggia :-)
    Buon inizio settimana e a presto, smack <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh Consu lo sai che la dolcezza qui è di casa! nel frattempo mi lascio cullare da tutti i profumi, gli impasti, le risate in cucina per non perdere il sorriso! bacioni!

      Elimina
  9. Questo piatto sa veramente d'estate, di tramonti tiepidi gustando la brezza nei capelli. Io amo le cicale, che da noi si chiamano canocchie, e le faccio spesso anche in umido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Elena? la settimana scorsa a Milano abbiamo avuto dei bellissimi tramonti, mancava il mare certo, ma l'ho messo nel piatto! anche io le conosco come canocchie e sono buonissime!

      Elimina
  10. eh... il grandissimo Paolo Conte!!!! e.... la grandissima cuoca che sei tu, con questo fantastico piatto di linguine mi hai fatto venire un'acquolina pazzesca, immagine bellissime,da mangiare anche quelle :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa Simona che io ho ascoltato prima la cover di Silvestri, ho scoperto solo dopo che era di Conte! bellissima canzone! non mi sento proprio una grande cuoca ecco tanto ancora una che ci mette impegno e ci prova! a presto

      Elimina
  11. Che piatto fantastico, oltre ad essere buonissimo è capace di far sognare a occhi aperti altri momenti e altre emozioni.....bravissima non è da tutti riuscire a far dimenticare, almeno per qualche minuto, che non siamo in un umido febbraio piovoso ma felici al mare con il sole di agosto!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ci sono riuscita a portare colore, mare, sole dentro le giornate d'inverno! sono già contenta così! grazie Laura a presto

      Elimina
  12. che meraviglia questo piatto e che voglia di catapultarmi su una spiaggia assolata e torgliemi di dosso l'umidità di questo inverno troppo strano!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  13. Silvia, Silvia, sospiro sempre quando ti leggo e trovo tantissimi fili comuni! I nostri cuori si somigliano e sono nella stessa situazione... hanno fame di tutto, vogliono battere, correre, saltare e giocare! Essere pieni, donarsi, incontrarsi, non lesinarsi... tanta gente dopo le delusioni si chiude e non cerca Amore, mentre chi crede davvero nei sentimenti non s'arrende e aspetta con pazienza che si sveglino di nuovo come boccioli in primavera, perchè sa che senza emozioni si vive in modo più spento... ma bisogna stringere quelle giuste, quelle percuivalelapenadi, quelle che profumano di mare e che sanno rimanere, sulla riva, anche quando l'onda va via...
    Quanta estate vedo già, qui... e che bello il piatto, mi fa pensare ai ristorantini bretoni! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Franci si somigliano sì, perchè si trovano a vivere qualcosa che li accomuna e perchè sono sensibili! Sai, si dice che le cose arrivano se ci credi per davvero e allora è questo che voglio oggi, domani e fino a quando serve, allenare il cuore a battere ancora! Troviamo ogni giorno qualcosa che ci emozioni e il cuore saprà ringraziarci a modo suo! ...a Milano ci sono state delle bellissime giornate di sole, cielo limpido e tramonti, ho anticipato un pelo la bella stagione! a presto!!

      Elimina
  14. Che belle parole e che bel viaggio con la testa che mi sono fatta, magari sperando di trovae un piatto del genere!!!

    RispondiElimina
  15. avevo quasi dimenticato il sapore della tua poesia.. le tue parole meravigliose.. e quella tua delicatezza nel descrivere gli stati d'animo.. :)
    Bellissimo anche la ricetta..
    Il sole ritorna..
    Un bacio..

    RispondiElimina
  16. Ciao dolcissima poetessa, come ho fatto ha farmi sfuggire un piatto di mare così meraviglioso? Troppo incasinata con il lavoro... Adoro le tue bellissime ricette, questo piatto é fantastico, racchiude in se tutta l'essenza del mare, facendo sognare ogni persona che lo ammira compreso me! Non smettere mai di sognare e sorridi sempre anche in una giornata di pioggia! Bravissima!!!!
    Ti auguro una splendida domenica ! Un abbraccio Laura<3<3<3

    RispondiElimina
  17. un plato de mar es un lujo me ncanta su sabor,abrazos

    RispondiElimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe