Punti e virgole

14:15


In ogni periodo lungo e complesso c'è sempre un punto e virgola ad attenderlo, è solo una pausa leggera, un piccolo distacco, più lunga della virgola ma meno forte del punto.

Sono tutti quei discorsi che lasciamo che camminino da soli, ognuno per la sua strada, forti per essere autonomi, ma non per questo separati; il fiato non sarebbe sufficiente a leggere tutto subito, si riposa, senza cambiarne la sostanza.

Desideri, progetti, speranze, sono lì che attendono un pochino di più, si concedono del tempo, allungano braccia e gambe per stiracchiarsi, non mollano la presa, la allentano soltanto.
Sono una sosta lungo il viaggio, lo spuntino del mattino, un cambio d'abito in giornata, un salto da un marciapede all'altro quando di là c'è il sole.

E sono finiti tutti nel mio piatto; rimane a unirli il verde, che mi accompagna da sempre, racconta un po' di me e si lascia ascoltare.





 Gnocchetti piselli e salmone

Ingredienti per la pasta  
(3/4 persone)

150 gr di farina 00
150 gr di farina di semola rimacinata
100 ml circa di acqua tiepida
un pizzico di sale

Ingredienti per il condimento:

circa 300 gr di piselli surgelati (freschi quando è stagione)
un trancio di salmone fresco
cipolla bionda
un goccio di vino bianco per sfumare
brodo vegetale
olio e.v.o. 
peperoncino a piacere 


Preparazione:
Procuratevi innanzitutto l'attrezzo in legno con le scanalature.
Su una spianatoia in legno aggiungete le due farine, un pizzico di sale e dosate poco alla volta l'acqua tipieda, fino ad ottenere un panetto lavorabile. Lavoratelo per 10 minuti e tenetelo a riposare per una mezz'ora, coperto da un canovaccio, per dare elasticità alla pasta.
Formate dei filoncini lunghi e tagliate tanti piccoli pezzetti che andranno fatti scivolare sull'attrezzo in legno, mediante il pollice.

Per il condimento: in una padella antiaderente aggiungete olio extravergine d'oliva e fate rosolare una cipolla bionda, tagliata sottile. Aggiungete i piselli (io li avevo surgelati, non è stagione) fate cuocere qualche secondo, sfumate con del vino bianco e poi lasciate cuocere con del brodo vegetale, fino a cottura ultimata.
A parte, in una padella sempre antiaderente, fate rosolare il salmone fresco tagliato a tocchetti, ci vorranno pochi minuti. Quando è pronto aggiungetelo ai piselli. Condite la pasta e a piacere vi consiglio un po' di olio piccante o peperoncino.


You Might Also Like

32 commenti

  1. Tesorino..la vita è proprio fatta di punti e virgole..l'importante è camminare sempre dal lato del sole ^_*
    Il tuo piatto di gnocchi è davvero una coccola :-) Buona settimana dolcezza <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, ma almeno facciamo in modo di non stare all'ombra a prendere altro freddo! grazie Consu, adesso arrivo anche da te! un bacione

      Elimina
  2. Che delicatezza... che bontà! Amo molto gli gnocchetti e anche il verde. Sì, un colore che sa aprire il cuore e parlare di speranza. Io mi godo questo piattino davvero stupendo e ti auguro un cammino ricco di virgole.. se separano una cosa bella da un'altra ancora più bella! Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, si mi piace questa idea di cose magari per il momento un pochino separate, ma che non si sa mai insomma! grazie di cuore!

      Elimina
  3. I punti e le virgole sono importanti anche nella vita, servono a fermare e a rendere tutto più fluido quindi ben vengano! Come questi gnocchetti deliziosi, l'attrezzino per farli è nela cassetto chissà se imparerò a usarlo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già ci vogliono un po' tutti i segni di punteggiatura...articolano un po' la vita come con le frasi! ma dai, è semplicissimo, io preparo solo cose semplici Ely, nulla di difficoltoso! un abbraccio

      Elimina
  4. I punti e virgola non sono niente male; io ho messo molto punti. Devo "solo" andare a capo ... i tuoi gnocchetti sono una vera meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Simona, io mi prendo ancora del tempo mi sa! però qualcuno l'ho messo anche io guarda e sono stata bene! grazieee

      Elimina
  5. Siamo questo e tanto altro di più. Prendiamo lo spazio che ci occorre dalle virgole, sostiamo dai punti quando il cammino è un po' più arduo, ma sui puntini di sospensione...su quelli appoggiamo le ali per spiccare il volo.
    I tuoi gnocchetti hanno una forma quasi perfetta. Mi tornano in mente quelli di nonna! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'immagine carinissima quella della tua nonna, sarà che io non ho avuto la fortuna di avere così tanti bei ricordi! prendiamoci i nostri spazi, virgole, punti, puntini, e scriviamo un po' di noi...ti abbraccio forte!

      Elimina
  6. Che meraviglia: semplici, buoni, golosi, sanno di primavera, che io aspetto con ansia l'arrivo!A presto LA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto, Laura! oh l'aspetto con ansia anche io!!a presto

      Elimina
  7. Un salto dal marciapiede, quando di là c'è il sole è il mio punto e virgola preferito . I tuoi gnocchetti sono stupendi e il condimento lo adoro. Splendido lo scatto. Un abbraccio Silvia cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh anche il mio, soprattutto in giornate in cui inizia a spuntare quel bel sole caldo, ma non eccessivo come quello estivo, ecco lì ci farei volentieri una piccola pausa più lunga del previsto! ti ringrazio molto lisa, un abbraccio anche a te

      Elimina
  8. Una vera delizia questi gnocchetti, con un leggero colore di primavera in arrivo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Alice! sì, appena posso ci metto sempre un po' di verde nei piatti!

      Elimina
  9. A volte ho voglia di un punto e accapo.. ma nel frattempo mi godo tutti i punti e virgola..
    Questa ricetta ha dei colori da favola, regala entusiasmo e voglia di rallegrarsi in cucina e anche nella vita... :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita anche a me! la cucina mi aiuta, mi aiuta a superare tante cose, mi fa ricordare che si può affrontare tutto con gli ingredienti giusti e la ricetta giusta per viverla questa vita! un abbraccio

      Elimina
  10. che carini Silvia, sono davvero deliziosi così piccini. Si il verde ti rispecchia bene, il colore della speranza, dell'ottimismo. Il colore della primavera, della rinascita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ti ringrazio moltissimo Elena! sì, davvero, il verde è quel tocco di speranza, e l'ottimismo...quello ho dovuto esercitarmi tanto per averne un po' di più!

      Elimina
  11. Bellino il tuo blog e curiosa questa tua passione per il verde che racconti nei tuoi post!
    Piacere di conoscerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere è mio Angelica, arrivo subito a conoscerti!

      Elimina
  12. Sei una poetessa Silvia. Un giorno dovresti riunirli in un libro i tuoi scritti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh ma grazie! pensa che non ho nemmenno una copia dei miei file!

      Elimina
  13. I tuoi post mi regalano sempre tanti spunti su cui soffermarmi a riflettere! Mi piaciono questi gnocchetti, sono perfetti e ben conditi. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mi fa davvero piacere! un abbraccio anche a te

      Elimina
  14. ...la ricetta è spettacolare, ma mi concentro sul punto e virgola, perché sto vivendo una risurrezione da un periodo che non si può definire se non esattamente così, e vorrei ringraziarti per la definizione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi Patalice :D è bello confrontarsi per questo, ogni tanto qualcuno tira fuori proprio quelle parole che avevamo sulla punta della lingua!

      Elimina
  15. Mai stata brava con la punteggiatura, di sicuro non manco mai di fare un salto da un marciapede all'altro quando di là c'è il sole, soprattutto ora, dopo il lungo inverno che mi porta a desiderare anche il bel verde della primavera ormai vicina....
    Nel tuo piatto c'è tutto...la calma della preparazione dei deliziosi gnocchetti, il verde speranza dei piselli e il rosa del salmone che completa al meglio l'insieme!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, ognuna di noi trova il modo tutto suo per inventarsi qualcosa che le faccia superare gli ostacoli, le pause sono un avvertimento a cui prestare attenzione! baci

      Elimina
  16. I puntini di sospensione sono la mia cifra, le parentesi le amo perchè mi danno senso di protezione, le virgole sono ciglia cadute e i punti e virgola sono piccole pause, come quando si riprende fiato e il piede si ferma... è prendersi un secondo per riflettere, è dire "alt" per ritrovare la forza, è un aspettare prima di mettere un punto fermo e di scegliere un finale preciso... la punteggiatura è ricca di significati e a me piace giocarci! Come gioco con gli gnocchi ogni volta che li preparo, mi piace proprio formare i pois e vederli rotolare, ma la tua forma è bellissima e più fantasiosa, mi fa pensare alle lumachine di mare che giustamente socializzano con il salmone :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che avrei potuto contare sulla tua comprensione! è proprio questo il senso preciso, fermarsi un attimo prima di scegliere il finale, perchè temporeggiare può avere un significato importante e poi si vedrà! questa storia delle lumachine che socializzano con il salmone mi fa sorridere tantissimo! vedere cose nelle cose è per chi ha una mente aperta! :D

      Elimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe