Quella volta che "senza" è anche meglio...

11:12



Quella volta che senza pensarci, mia madre portò a casa una micina tutta bianca, che qualcuno aveva abbandonato. Fu il regalo più bello che potessi ricevere. 

Quella volta che dopo un'ora di salita faticosa per il bosco, scorsi il muro di cinta della basilica medievale illuminata dal sole, e capii che di lì a poco avrei visto un panorama meraviglioso: rimasi senza parole per la bellezza che avevo tutt'intorno. 

Quella volta che senza zucchero le tisane non erano poi così male, potevo anche sopravvivere! 

Quelle volte che senza preavviso l'amore arriva e ti sorprende.

Quelle volte che senza permesso di circolazione alle auto, Milano respira di suoni che altrimenti non te ne accorgeresti nemmeno. 

Quella volta che scoprii che il pane si poteva fare anche senza impasto ed era anche buono. 

Quelle volte che senza ricevere nulla in cambio fai qualcosa che ti riempie il cuore. 

Quelle volte che senza accorgertene sei felice. 

Quella volta che dimenticai di spremere il succo di limone sulle mele e non misi nemmeno un goccio di panna liquida, come prevedeva la ricetta originale, ma "senza" fu addirittura meglio. 




(Questa ricetta che tra l'altro è di California Bakery, è presa dal blog di Enrica Chiarapassion, io ho apportato qualche piccolissima variante negli ingredienti del ripieno e ho dovuto prevedere un accorgimento per l'impasto...la mia non è venuta bella come la sua, è palese, però confermo che è buona) 

Apple pie 
(per uno stampo di diametro 18/20 cm)

Ingredienti per la pie crust 
(rispetto all'originale li ho lasciati invariati)

160 gr di burro freddo a tocchetti
250 gr di farina 00
4 gr di sale 
15 gr di zucchero semolato
90 ml di acqua ghiacciata
10 ml di aceto bianco 

Ingredienti per il ripieno
(qui io ho omesso il succo di limone (me lo sono proprio dimenticato), ho omesso la panna liquida e diminuito la cannella)

3/4 mele renette (potete anche utilizzare le Golden Delicious)
50 gr di zucchero di canna 
2/3 gr di cannella
15 gr di farina
2 gr di sale

per spennellare:
1 uovo + zucchero di canna 

Preparazione:
Iniziamo dal pie crust, in una ciotola a sponde alte o nella planetaria se l'avete, impastate velocemente il burro tagliato a tocchetti con la farina, il sale e lo zucchero, in modo da ottenere un composto molto sbriciolato. Unite l'acqua e l'aceto bianco, lavorate velocemente, fino a formare un panetto elastico da riporre in frigorifero.

Attenzione: qui mi fermo un attimo per dire la mia impressione: la ricetta diceva di tenere il panetto in frigorifero per almeno 30 minuti. Dopo 30 minuti non si riusciva a lavorare bene, era ancora morbido, così intanto ho fatto una piega al panetto, per dare un po' di sfogliatura. Dopo un'ora di riposo, il panetto rimaneva ancora un po' appiccicoso nella stesura, nonostante io lo stenda tra due fogli di carta forno. Non so quanto sia giusto, ma io ho adoperato questo trucco: ho diviso il panetto in due porzioni uguali (per la base e per la copertura), ho steso l'impasto tra due fogli di carta forno, cercando di conferire una forma rotonda, e li ho messi nel congelatore per 5 minuti, così il burro si è raffreddato e non appiccicava. 

Se mai proverete ditemi la vostra...

Mentre l'impasto è in frigorifero a riposare, preparate il ripieno, sbucciate le mele, tagliatele a spicchi e affettatele in maniera sottile, aggiungete lo zucchero di canna, la cannella, la farina e il sale. Lasciate macerare in frigorifero fino a che non riprenderete l'impasto.

Imburrate e infarinate lo stampo, stendete la prima base di pasta, riempite con le mele, formando una montagnetta. Stendete l'altra base di pasta sopra, coprendo il ripieno, i bordi andrebbero ripiegati in modo da formare una chiusura perfetta. Ho provato a fare il bordo ondulato (lo vedete meglio nella sua pagina) in cottura però è sparito :( va beh, magari a voi viene...), fate 4/5 incisioni in superficie, con un coltello, spennellate tutto con un uovo e aggiungete una manciata di zucchero di canna.

In forno preriscaldato e non ventilato, a 190°, cuocete per circa 45/50 minuti. 

N.B: Mi hanno detto che servito con la panna montata è ancora più buono!! ^__^ 




You Might Also Like

15 commenti

  1. Grazie per questa dolcezza!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ma perché non è rimasta in forma?Il riposo l ha fatto,anche il freezer...Quella volta,insomma,in cui esegui tutto e la ricetta un po' si ribella,regalandoti ugualmente una meraviglia.Silvia cara, è stupenda,il profumo arriva fin qui!😘
    PS..Le tisane senza zucchero non mi piacciono😅😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :( e chi lo sa Damiana?! insomma si è ribellata proprio! però guarda, è finita tutta! ahaha quindi importante che sia venuta buona! P.S. beh ma io non posso contraddirti per nulla! un bacione

      Elimina
  3. NON SIA QUANTE VOLTE MI SONO DIMENTICATA QUALCHE PASSAGGIO DALLE RICETTE ORIGINALI E SONO RIUSCITE ANCORA MEGLIO A PARER MIO. IO NNO METTO MAI IL LIMONE SULLE MELE, LE AFFETTO AL MOMENTO COSI' NNO VENGONO NERE. BRAVISSIMA, MI PIACE MOLTO LA TUA RICETTA. BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che succede un po' a tutte Sabry! diciamo che l'importante è che non sia un ingrediente fondamentale! ahaha...ti ringrazio molto baci!

      Elimina
  4. ame sembra molto bella invece, ed è sicuramente buonisimìma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh troppo carina Simona! guarda sulla bontà posso dirti tranquillamente che qui se la sono spazzolata tutta! però mi piacerebbe riprovarci, magari utilizzando anche una teglia diversa, vedremo..non mi arrendo!

      Elimina
  5. Spesso sono proprio quei "senza" a rendere speciale qualcosa :-)
    Questo torta di mele sempre quella sfornata da nonna papera...me ne sono già innamorata 😍
    ps: posso dirti che senza-di-te il web x me non sarebbe la stessa cosa ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😍😍 che cosa carinissima che mi hai detto! Ti abbraccio, posso? 😘

      Elimina
  6. Di quel sorriso che spunta nonostante tutto. Nonostante ciò che ne è venuto fuori non era ciò che avevi in mente. Di quelle volte, dove "il senza" non è poi così traumatico.
    Di quel sapore che resta comunque...
    Mi piace la tua Apple pie e anch'io ho fatto i conti (male, indubbiamente) quando l'ho preparata. Ma si sa, vince chi non s'arrende. E noi in questo siamo brave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì hai ragione, il sapore era davvero buono, devo ammettere!Ma noi non ci arrendiamo e miglioriamo! :D ...me la ricordo la tua, mi era piaciuta tanto!!

      Elimina
  7. Questo dolce così profumato e così delicato è una coccola per l'anima prima ancora del palato. Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Quella volta che lo stupore decise di farci una sorpresa e di bussare alla nostra finestra... quella volta in cui ci siamo sentite pronte e decise ad agire... quella volta in cui il cuore si è svegliato più leggero e sorridente... quella volta in cui abbiamo iniziato a cantare e ballare da sole... quella volta in cui il sole si è posato proprio sulla guancia, come a darci un bacio rassicurante... quella volta in cui una gatta vide un'apple pie e non seppe resistere dall'affondare una zampetta subito, per assaggiarla... :D
    Uno dei miei dolci preferiti, sai? E sì, nel piattino rigorosamente ci deve essere la panna montata, ehehe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto mi piacciono i post che continuano così! :D sono una sferzata di energia mattutina! per tutte quelle volte che ancora ce ne saranno di cose belle, godiamocele tutte e se possono essere dolci come una pie di mele, ancora meglio!

      Elimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe