Rapa-ronzolo e i suoi capelli...

13:35


A trentatrè anni mi ero convinta che sarei stata felice soltanto in un modo: un buon lavoro, una casa e l'amore sbagliato al mio fianco. Quello che se ti accontenti lo puoi anche sposare, un giorno, forse. 
Portava i capelli lunghi allora Rapa-ronzolo, sempre legati in una coda, con un elastico stretto stretto, che evitava che cadesse. E intanto a cadere era lei.
Lì, nella sua torre, fatta di bugie da raccontare e raccontarsi, i capelli non li scioglieva quasi mai e forse quel principe nemmeno lo aveva capito il perchè.

Ma non ti accorgevi che avevi smesso di cantare?
Lo sai che c'è ancora il mare da vedere?
E chi lo ha detto che esiste solo una strada da inseguire?
In fondo la felicità è fatta di tanti attimi da poterti anche inventare...
Accendi la radio, che c'è quella canzone da sentire...

Ci sono temporali dove puoi rifiorire, che devi dimenticarti l'ombrello e lasciare che la pioggia ti scorra dentro. Approfittare del mal tempo per capovolgere il tuo modo di guardare, rompere gli schemi e le fissazioni, capire che non c'è nessuno che ti può salvare, lo puoi fare solo tu.

Sono passati due anni, Rapa-ronzolo ne ha fatta di strada, beh non ha ancora un lavoro stabile, non ha per ora una casa sua e manco un suo amore, però sa che quel temporale le ha fatto un gran bene. E' cambiata dentro e tanto.

Ed è cambiata anche fuori! Un nuovo taglio di capelli, belli corti...e in quella torre, non ci è più voluta entrare.


Mi scuso per la foto, avevo fretta di sfruttare quel poco di luce che c'era prima che sparisse, tanto da dimenticarmi di tostare le nocciole prima di fotografare! ^__^ capita! 


Vellutata di sedano rapa, con mela, finocchio e nocciole

 Ingredienti 
(per 2 persone)

un sedano rapa piccolo (circa 500 gr)
1 mela rossa (tipo fuji, pink lady)
1 finocchio
brodo vegetale
qualche nocciola (da tostare)
olio extra vergine d'oliva

Preparazione:
Preparate del brodo vegetale. In un'altra pentola aggiungete dell'olio d'oliva. Pulite bene il sedano rapa, eliminando la scorza esterna, sciacquandolo sotto l'acqua corrente e tagliatelo a tocchetti, private la mela di buccia e torsolo e tagliatela anch'essa a pezzetti, lavate il finocchio e tagliatelo a fettine sottili. Aggiungete tutti gli ingredienti nella pentola e coprite con il brodo vegetale. Fate cuocere con un coperchio e ultimata la cottura, passate il tutto al mixer per ottenere una bella vellutata cremosa. Tostate qualche nocciola e aggiungetela alla vellutata, se volete condite con olio!



You Might Also Like

27 commenti

  1. Non mi sembra sia grave non aver tostato le nocciole ....😁 Ottima vellutata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah lo so Simona, ma mi fa ridere perché me ne sono accorta solo quando ho visto la foto di un'altra food Blogger! 😂😂

      Elimina
  2. che bella questa storia...e che delizia questa crema, mai avevo pensato di impiegare il sedano rapa così...mmmm...lo proverò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, pensa che invece io finora l'ho provato solo con le vellutate!

      Elimina
  3. Bellissima questa vellutata!!
    Grazie per averla condivisa.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manu, una coccola leggera! Un abbraccio

      Elimina
  4. Eh già, quel temporale ti ha fatto proprio bene :-) Adesso risplendi di luce e sei riuscita a tirare fuori la parte migliore di te :-)
    Arriverà tutto ma con i giusti tempi, non dubitare, il tuo sorriso non farà che crescere!
    Golosissima la vellutata...a me va bene anche con le nocciole non tostate :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, è stato giusto così, le cose giuste al momento giusto! Sto imparando anche io a fare più cibi Light hai visto??

      Elimina
  5. a che servono se no i temporali??A crescere!!!Deliziosa questa vellutata e anche le foto, brava!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  6. Sembra un filo leggero questa sintonia. Un filo che percorre lunghe strade arrivando fin lì, a scoperchiare sogni e legare vecchi ricordi.
    A sorprendersi delle cose già viste, ma vestite di nuovo. Lasciare la pioggia cadere per far scivolare via tutto quello che non serve. Rincorrere a piedi nudi la felicità, senza più il timore di farsi male e sentirsi d'un tratto più leggeri. Liberi di viaggiare con gli occhi ed il cuore. Come i tuoi ingredienti, finiti in una vellutata che scalda in questi giorni ancora freddi.
    P.s. Dimenticarsi di tostare le nocciole per afferrare la luce. (Cosa non si fa per una foto :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi capita di riparlarne, ma ormai certe cose le osservo da una certa distanza, come si fa con i quadri. Sì Melania, sono sintonia che ci legano perché c'è sempre qualcosa di noi da poter cogliere anche nei racconti degli altri! Che ridere quel giorno, mi sono accorta delle nocciole soltanto dopo aver visto le foto della tua vellutata di broccoli! In questi giorni, qui è così difficile avere una bella luce!

      Elimina
  7. Riesci sempre a toccarmi profondamente con le tue parole...anima sensibile!!!! Bellissime foto vorrei avere una millesima parte della tua dote!!!!complimenti di cuore!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cinzia, ma che dici, ognuno ha la sua dote e tu ne hai di straordinarie di cui non devi avere nessuna invidia! sono le diversità a renderci unici!

      Elimina
  8. Bellissimo tutto ! La foto, la vellutata (mai usato il sedano rapa in vita mia ! Ma...che sapore ha...ammesso che si possa descrivere...a cosa assomiglia ?) ma ancor più le tue parole, manifestazione di un'anima poetica, sensibile e molto acuta. Sempre in evoluzione spirituale. Brava Silvia, davvero brava per tutto. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina! Che belle parole, ti ringrazio davvero! Per rispondere alla tua curiosità, il sedano rapa ha il sapore di un sedano ma molto più delicato e meno deciso di quello tradizionale! Soprattutto se unito ad altri ortaggi, patate, carote, finocchi, che ne attenuano il sapore! Un abbraccio anche a te!!

      Elimina
    2. Cara Silvia, l'ho fatta. Ho affrontato quello sgorbio del sedano rapa (pensa che prima della tua ricetta...al supermercato non entrava mai nemmeno nel mio campo visivo). Di finocchi ne ho messi due. Ho usato anche le "barbe". Mi è piaciuta e la rifarò, ma senza mela perchè ha lasciato una nota acidula che nelle vellutate non mi entusiasma. Grazie per avermi fatto incontrare con il sedano-rapa ! Neppure i finocchi, che amo tanto anche cotti, avevo mai usato sotto forma di vellutata

      Elimina
    3. Che bello Cristina! Contenta che ti sia piaciuto! E il bello è anche quello, provare diverse combinazioni con vari ortaggi! Allora sedano rapa promosso!! Un bacione

      Elimina
  9. E 'stato un temporale davvero provvidenziale, io me ne ero già accorta, sai. E vedrai che con la mente serena e il cuore più leggero, tutto il resto arriverà ! intanto io invidio da morire quella bella tazza di vellutata. Una squisitezza . Bacioni Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fiduciosa, questa è la cosa importante! un bacione anche a te Lisa

      Elimina
  10. capovolgere il tuo modo di guardare e rompere gli schemi fa acquisire un nuovo sguardo sul mondo un po' come le nocciole non tostate infondo a dispetto di ciò che credevi ci stanno bene. Anch'io le uso per le vellutate e ci stanno divinamente. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere nuovi occhi è la cosa che ci vuole quando ti devi rialzare! Effettivamente chi lo ha detto che ci stanno bene solo le nocciole tostate! un saluto!

      Elimina
  11. Questa rapa-ronzolo deve proprio essere una bella tipa tosta!! Ci sono temporali che sconquassano dentro e sconvolgono tutto, ma che alla fine come una doccia purificante fanno meglio di mille giorni trascorsi tra bugie e cose taciute. E la vita è tutta davanti a noi, così piena di possibilità !
    Ottima la vellutata di sedano rapa, è da un bel po' che non la facciamo, con la mela deve essere speciale!
    Buon weekend cara !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che una tipa tosta, è una tipa che si è dovuta rimboccare le maniche e prendersi parecchie secchiate gelate, prima di capire certe cose! La mela nelle vellutate è stata una scoperta, può sostituire le patate e così rimane anche più ricca di acqua e detox insomma! grazie pancette, a presto!

      Elimina
  12. Rapa-ronzolo è cresciuta e quel che le ha fatto tanto male prima, oggi l'ha resa una donna meravigliosa e forte, capace di affrontare il mondo senza ricorrere al rifugio che una chioma lunga può donare. E' uscita dalla torre e ha scoperto che il mondo è pronta ad accoglierla e a non ferirla, se saprà scegliere ciò che è giusto tenere in una ciotolina. Ha cominciato dal bianco, dalla dolcezza e dalla cremosità.. non potrà che andare meglio da oggi in poi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci avevo pensato al bianco e alla cremosità, hai ragione Paola è un modo per partire, e scrivere nuove cose. Mi riallaccio al post letto oggi da Francesca e penso a quell' "oggi", da oggi in poi...il passato è andato, e al massimo ce lo mangiamo in una tazza fumante!!

      Elimina
  13. Questa bellissima principessa ha fatto un gran bene ad uscire dalla torre e a vivere perché per inesperienza si fanno tanti errori, ma poi si cresce e non ci si accontenta... giustamente! Si vive, il lavoro lo si cerca e a forza di saltare da uno all'altro l'esperienza si accumula, qualche entrata c'è e lottando con le unghie e con i denti prima o poi anche la casa si riesce ad averla, magari una nanocasa, ma tutta propria! E davanti ad una donna così ganza non vuoi che arrivi anche l'amore? Caspita, se uno è intelligente ti acchiappa e non ti molla più... daiiii che piano piano arriverà tutto :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tatiana, che bel pensiero che mi hai lasciato! sposo tutte le tue parole, soprattutto quando dici che con le unghie e i denti e la forza e il coraggio si può tutto! un bacione anche a te!

      Elimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe