Ricordi (con)gelati

17:55


"E ti prego scatta ancora quella foto 
che non ero ancora grande
non che non ci fosse il vuoto
ma chi sogna è un po' incosciente
gli anni odorano di macchine da scrivere e rasoi..."

 
 ~

 Un salvagente bianco e giallo e una cuffietta da puffo, e io con quell'aria divertita e spensierata in mezzo al mare. Un po' di nostalgia per quei tempi, per quei sorrisi puliti di chi pensieri non ne ha.
Sono di mio zio alcuni di questi scatti, li sviluppava in una piccola camera oscura, in un angolo che si era ricavato a casa;  peccato che questa passione abbia un tempo ormai al passato, il gusto era diverso: una dolcezza che ti resta in bocca ancora oggi. 

Le riconoscevo quelle stampe in mezzo a tante, avevano la superficie liscia e lucida come le cose che scivolano leggere e spesso erano tante immagini una vicina all'altra. Ce n'erano altre che invece avevo una grana un po' puntinata, quasi rugosa, indossavano una patina di un tempo destinato a non ripetersi. Ancora oggi se apro la scatola di latta che le contiene, penso a quanto sia cambiato il nostro modo di ricordare. Oggi che facciamo talmente tante foto che forse non ce le ricordiamo nemmeno.


Piccoli passi accanto ad un gommone bianco e blu, che la voglia di esplorare già si faceva più viva, e non bastava più una piscinetta di plastica e quattro sassolini per viversi il mare, volevi vedere quanto era grande e profondo, per capire se avevi occhi e braccia sufficienti per nuotarlo tutto. 
E quanto era facile far volare le bolle di sapone? Magari oggi i sogni sono la stessa cosa, solo bolle un po' più pesanti, che l'aria per farle volare deve essere ancora più forte e coraggiosa.

 
 

Appendo i miei ricordi, magari saranno simili ai vostri; le mollette colorate sono il segno che i colori importanti della vita non sbiadiscono mai, rimangono (con)gelati così come sono...

Come quando mi fecero assaggiare il gelato Malaga per la prima volta, che allora era un gusto da grandi, e potevi assaggiarne poco...però quel poco aveva un gusto speciale, e ancora mi piace allo stesso modo...


Gelato Malaga

Ingredienti:

250 ml di latte intero
250 ml di panna fresca 
4 tuorli
150 gr di zucchero semolato
80 gr di uvetta (da unire al termine della mantecatura)
1 tazzina di rum (circa 40/50 gr)

Preparazione: 
(un giorno prima di servire)

Mettete in ammollo le uvette nel rum. 
In un pentolino sbattete i tuorli e lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e ben montato. A parte portate ad ebollizione il latte, e versatelo poi a filo sui tuorli montati. Continuate a girare il composto con un frullatore elettrico a bassa velocità. Rimettete il pentolino sul fuoco medio e portate il composto ad una temperatura di circa 85°, non di più, continuando a girare. Togliete dal fuoco e fate raffreddare completamente. Per aiutare il raffreddamento potete immergere il pentolino in acqua fredda. Una volta raffreddato, unite la panna e il rum che avete usato per ammollare le uvette.
Lasciate il composto in frigorifero per almeno 5/6 ore. Versate il tutto nella gelatiera e seguite le istruzioni (di solito dai 30 ai 40 minuti), quasi al termine della mantecatura, aggiungete le uvette strizzate. Lasciate in freezer per tutta la notte o comunque per un tempo sufficiente a far sì che abbia una giusta consistenza per esssere servito.




You Might Also Like

18 commenti

  1. É proprio come dici tu... 😞
    Il gelato Malaga si vede poco nelle gelaterie. Peccato è così buono brava. 👏

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? allora mi confermi anche tu...infatti è un vero peccato! grazie mille Simona!

      Elimina
  2. Era, e forse rimane, il mio gusto di gelato preferito....quanti ricordi...le mie estati ad Arma di Taggia....
    Mi hai fatto tornare indietro di trentacinque anni, che bello....
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo che bello, riportare indietro i ricordi solo con un gusto di gelato...funziona bene come macchina del tempo!! :D un bacione a te Simona

      Elimina
  3. Tesoro questo post mi ha commossa...quante emozioni concentrate e (con)gelate che hai condiviso...
    Non ho mai assaggiato questo gusto di gelato..io x sentirmi grande mangiavo la coppa del nonno, quella al caffè, ricordi?
    Farei volentieri questa piccola scoperta con te...posso rubarti la coppetta in foto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consu! Sì che la ricordo la coppa del nonno! gli anni 80 e 90 poi si caratterizzavano per tanti gelati confezionati che oggi non esistono nemmeno più, si sentiva meno il culto del gelato artigianale, ma in fondo anche questo lascia dei bei ricordi! ruba tutto quello che vuoi, io tra poco arrivo a vedere cosa hai preparato tu...

      Elimina
  4. Il bello però di alcuni ricordi è che li si può (con)gelare perché restino a lungo. E tu ci sei riuscita! La nostalgia di ciò che è stato, di ciò che un tempo era e adesso non lo è più ti ha permesso di arrivare fin qui. Tra sapori, profumi e ricordi fermati nel tempo. Passa tutto, ma tutto resta se lo vogliamo noi. Come il tuo gelato che non ho mai visto, nè assaggiato eppure tu me lo hai fatto conoscere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono belli questi momenti in cui puoi incastrare ricordi, sapori, profumi, parole, come tanti tasselli che vanno a ricomporre il puzzle dei momenti più belli della nostra vita! Questo gusto è ormai quasi introvabile, qualcuno mi riferisce che in alcune gelaterie a Milano lo fanno ancora, ma ormai è davvero vintage...

      Elimina
  5. Se mi parli di foto d'epoca, di ricordi d'infanzia e dei colori unici di certi scatti, tocchi le mie mie corde giuste e non solo sorrido, ma mi commuovo anche un po'... è più forte di me, rivedere le vecchie foto mi smuove tanto, la mia anima nostalgica vibra! Non parliamo poi dell'estate, dei primi gelati, delle marche che c'erano prima e dei gusti di una volta... il vintage che s'attacca all'anima! Prendo un cucchiaino e mi metto a gustare, con assoluta calma, il vento dei ricordi dolci e queste palline messe in una coppetta deliziosa!
    ps: ho sempre un barattolo di bolle di sapone in camera, sai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina :D rivedere le vecchie foto piace tanto anche a me, e infatti sono nostalgica proprio perchè oggi è difficile che si stampino, almeno a me non capita davvero da tanti anni...peccato perdere questa bella abitudine! In molte cose anche io conservo una certa predilezione per il vintage, sarà che forse mi collocavo meglio dentro un altro spazio temporale! senti, allora quel barattolo ormai ne conterrà tantissimi di sogni da far volare...magari chissà, un giorno capiterà il culmine della felicità e le vedrai librarsi nell'aria leggere!!

      Elimina
  6. Che belle foto tesoro, sono davvero stupende. Bellissima l'atmosfera che hai creato. E quanto eri carina da piccola, proprio tenerissima con quella cuffietta da bagno :-)
    Adoro il malaga, è probabilmente il mio gusto preferito solo che oramai è talmente vintage che non si trova più nelle gelaterie. Oramai sono vecchia!!! saporito ma non stucchevole, dal sapore deciso ma non troppo invadente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami Elena se arrivo tardi a rispondere! ti rignrazio moltissimo! :D Insomma, ho appurato che questo gusto è amato ancora molto, quel vintage che chissà, magari prima o poi qualcuno lo farà ritornare di moda! a presto

      Elimina
    2. Spero proprio che ritorni di moda perchè se lo merita tutto. In fondo le cose semplici sono sempre le più buone. Io non capisco perchè le gelaterie ora si perdano in gusti astrusi che poi alla fine non danno neanche grande soddisfazione al palato

      Elimina
  7. adoro sempre tantissimo leggerti! mi piace il tuo saperti aprire, il tuo scrutare in te stessa per farne uscire pensieri, parole, riflessioni sempre tinte di un colore candido, pastello, che crea subito poesia e legame.
    Quel filo a cui sono appese quelle foto è il tuo filo rosso e io adesso vorrei farne un gomitolo e non lasciarti più!
    Bellissimo post, davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena che parole dolci, grazie di cuore!! Mi piace poter creare questi legami, quei fili di storie condivise, insieme a momenti di assaggi e sapori! Io come un gatto seguo volentieri il gomitolo che mi porta da te e arrivo subito a leggerti!!

      Elimina
  8. Che belli i ricordi, che belli "questi" ricordi.. la nostra infanzia, le foto, i rullini, le stampe.. non ricordarsi cosa avevamo scattato.. e poi ancora i gusti buoni che non ci sono più, ma che possiamo ritrovare grazie alla nostra passione..

    RispondiElimina
  9. Io non ho tantissime foto di quando ero piccola, perchè non mi piaceva essere fotografata ed in quelle che ho o piango o ho il muso...però col senno di poi mi rendo conto che era l'unico modo per preservare quei momenti che non sarebbero mai più tornati!!!!

    RispondiElimina
  10. Ho un cassetto, a casa dei miei, pieno di vecchie foto. Adoravo passare i pomeriggi a rivederle, gambe incrociate, seduta sul pavimento e tutti quei ricordi impressi intorno. Ricordi di me bambina, di momenti passati, di quelli che restano, di quelli che vorresti rivivere anche solo per lo spazio di un momento, per riassaporare quegli anni in cui tutto era a portata di sogno e stupore. Sono bolle di sapone, sì i sogni, ma se sai costruirli sanno farsi raggiungere e restare. Basta un soffio di coraggio e speranza è quando non se ne ha abbastanza, sì può riacciuffare con un cucchiaino il sapore di quegli anni. Il Malaga era e,.nel tempo, è rimasto uno dei miei gusti di gelato preferiti. Un tuffo al cuore rivederlo qui ❤

    RispondiElimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe