La mia estate itinerante (parte 3) - Vernazza, Liguria Cinque Terre

12:50


"Poichè la disperazione era un eccesso che non gli apparteneva, si chinò su quanto era rimasto della sua vita, e riiniziò a prendersene cura, con l'incrollabile tenacia di un giardiniere al lavoro, il mattino dopo il temporale."
 (Alessandro Baricco)
~
In una giornata autunnale e piovosa, vi racconto dell'ultima tappa Ligure di questa estate col sorriso...
vi porto nel cuore di Vernazza, una delle perle delle Cinque Terre!

 Devo dirvi che quattro ore di treno all'andata e tre al ritorno, pochi le avrebbero fatte, ma la guida non fa esattamente per me, questo lo sapete ormai anche voi, quindi zaino in spalle, posto vicino al finestrino e via...

Difficile non ricordare l'alluvione che colpì queste zone anni fa, i segni restano, ma cicatrici profonde e visibili trasmettono un messaggio forte: le cadute servono a rialzarsi, gli strappi al cuore danno una spinta a ripartire, la forza alla fine la trovi.
Vernazza mi è sembrata una signora stanca, ma non per questo meno bella; i pezzi di colore mancanti le danno dignità, forza e rivincita sul destino. Un puzzle, che nonostante tutto, ti permette di leggere un paesaggio straordinario.

Il blu del mare che si scorge dalle terrazze del Castello o dai vari sentieri percorribili verso le altre mete, è un segno che rafforza la bellezza di questo luogo. 

Forse è una meta turistica troppo scelta, e nei mesi estivi è quasi impossibile evitare la folla umana di gente che percorre le sue strade, ma è una tappa obbligatoria della nostra bella Italia che vi consiglio caldamente.

P.s: Oggi non vi lascio nessuna ricetta, il mio cinquantino preferito ha fatto una brutta fine...non escludo una pausa di qualche settimana, ma ci rivedremo presto e intanto lascio parlare le immagini...


 



You Might Also Like

12 commenti

  1. Quanta scorta di blu Silvia! I dettagli, i colori, le mura che seppur sbiadite si portano dietro i segni di quanto è accaduto. Ma le cose belle restano. Nonostante tutto. Nonostante i segni e le cicatrici, quel velo di meraviglia e stupore gli si posa addosso.
    Non ho mai visitato la Liguria probabilmente sarà una delle mie prossime mete. Mi piace ciò che hai saputo (rac)cogliere...la dimostrazione che se si vuole qualcosa la si può fare, fosse anche solo per qualche ora. Bentornata ☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Melania, scusa se rispondo un po' in ritardo! Sì davvero, i colori seppur sbiaditi avevano questa grande forza e me l'hanno trasmessa! Sono appena passata da te e la sensazione è stata quella di camminare per le vie della tua estate bianca e blu! A presto

      Elimina
  2. Che mare, che colore!!! e che delizia il porticciolo con tutte le barchette colorate. Certo che quest'estate hai proprio fatto una bella scorta di colori. Le casette tutte colorate mi hanno rubato il cuore, qua le case sono così grigie e tristi. Non sono abituata a questi bei colori che mettono allegria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, chiedo scusa anche a te se rispondo solo ora. Sii la Liguria si è rivelata molto romantica e nostalgica con tutti questi borghi tipici! Buon weekend

      Elimina
  3. che emozione, mi sembra di tornare sui tuoi stessi passi....questo post avrei potuto scriverlo io, sai?!
    E' stata una giornata bellissima per tutte e due, le cinque terre sono meravigliose e mi son ripromessa di visitare anche qualche altro paesino, pian piano, magari il prosimo anno ;)
    Bacione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, prossimo anno ci vuole anche Riomaggiore che secondo me ci lascerà senza fiato!! Mi è piaciuto questo filo ligure che ci ha unito...tra l'altro erano tantissimi anni che non tornavo lì! A presto

      Elimina
  4. Sono stata in questo paese e alle Cinque Terre, quando andai in Provenza e di passaggio feci tappa lì per qualche giorno! Ricordo come mi colpirono per le case e l'atmosfera! Ho rivissuto quella tappa, con te... ed è stato bello ritrovare quel balcone sul mare, così poetico! La barca rossa è ormeggiata, io quasi quasi la prenderei e andrei ancora un po' via... che dici? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Franci, chiedo scusa anche a te se rispondo soltanto adesso! Sii prendiamola quella barca rossa, ci porterà da qualche parte bella di sicuro! Ho letto del momento in cui mi hai pensata fotografando la sedia rossa in Grecia...il bello è proprio questo, che man mano il filo che lega tutte noi, si fa spesso e resistente e si allunga ad abbracciare le amiche a distanza! A prestissimo

      Elimina
  5. Che meravigliose foto della tua estate :-) si percepisce il tuo sorriso dietro ad ognuna di essa :-)
    A presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consu...anche le piccole gite servono a sorridere!!

      Elimina
  6. Un tuffo dove l'acqua è più blu... e dove tutto è più colorato, allegro, felice! Trasmetti attraverso le foto la bellezza che è dentro di te, sei candida come una margherita Silvia, ed è tutto un'emozione.. Inganneremo l'attesa del tuo ritorno guardando e riguardando la tua estate.. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco mi fai un po' arrossire...grazie Annalisa! Ho seguito la tua estate anche io e guarda che la dolcezza è emersa chiaramente! Un abbraccio sincero

      Elimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimi commenti

Flickr Images

Subscribe